PRENOTAZIONI TOUR (+39) 329 7208181 tour@romaguidetour.it

Storie di Roma

Il blog di Fabio Salemme su RomaGuideTour.it

L’Appia Antica, i Mausolei e i Morti Parlanti

luoghi di roma, storia di roma

CONDIVIDI E STAMPA

CONDIVIDI E STAMPA

Nel mio ultimo articolo vi ho raccontato la storia di una delle vie consolari più famose dell’antica Roma, l’Appia Antica, sottolineando anche che lungo il suo percorso è possibile visitare alcuni dei Mausolei più importanti dell’antica Roma, come il Mausoleo di Cecilia Metella e quello di Massenzio.

La ragione per la quale lungo l’Appia Antica, come in molte altre vie consolari, sorgevano tombe e mausolei è che gli antichi romani non seppellivano mai (tranne in rare occasioni) i defunti all’interno delle mura cittadine, per ovvie ragioni di carattere igienico.

Le tombe e i mausolei romani potevano avere prezzi diversi a seconda della grandezza e della committenza (se vuoi saperne di più leggi l’articolo Quanto costava un mausoleo?), ma a prescindere dal loro costo avevano tutte qualcosa in comune: epigrafi che riportavano scritte con le quali veniva ripetuto (quasi ossessivamente) l’età del defunto scandita in anni, mesi e giorni. Pochi sanno che le tali iscrizioni funebri facevano parlare sempre il defunto in prima persona, dispensando consigli e anche battute di spirito.

Dato che i cimiteri dell’antica Roma si sviluppavano lungo le principali vie consolari oltre le mura delle città, le varie tombe e mausolei generalmente accompagnavano i viandanti in viaggio. Oggi nei cimiteri siamo soliti leggere mentalmente o silenziosamente le frasi di commiato dei defunti, ma ai tempi dell’antica Roma era invece d’uso tra i viandanti leggere ad alta voce queste frasi. In questo modo, quando i passanti leggevano, i defunti potevano rivivere e ritrovare la loro voce, raccontando magari la loro storia e lasciando qualche consiglio ai vivi.

Una tra le frasi più celebri che è possibile trovare tra le tombe e i mausolei dell’Appia Antica c’era sicuramente questa: Viandante ricorda, quello che tu sei io, ero quello che io oggi sono tu sarai. Ma non mancavano frasi più allegre e leggere, come quella di un attore teatrale che per tutta la vita aveva recitato la parte di uno che moriva in scena e che “finalmente” il giorno della sua morte poté dire: Mai come in questa occasione ho recitato la mia parte in maniera così sublime.

Interessati a scoprire i segreti dell’Appia Antica, i mausolei e le storie e gli aneddoti correlati alla più famosa via consolare dell’antica Roma? Seguitemi nel mio tour sull’Appia Antica, o in uno dei miei altri tour e visite guidate a Roma e nei dintorni della capitale.

CONDIVIDI E STAMPA

CONDIVIDI E STAMPA