PRENOTAZIONI TOUR (+39) 329 7208181 tour@romaguidetour.it

Storie di Roma

Il blog di Fabio Salemme su RomaGuideTour.it

Giochi e Amori al Circo Massimo nell’Antica Roma

luoghi di roma, storia di roma

CONDIVIDI E STAMPA

CONDIVIDI E STAMPA

Abbiamo già visto aspetti della vita quotidiana nell’antica Roma parlando delle insule; oggi invece parleremo dei giochi tipici nell’antica Roma e soprattutto di quelli organizzati nei circhi. Come molti di voi sapranno il circo più famoso di Roma è sicuramente il Circo Massimo, anche una delle arene più longeve, attiva per quasi 1200 anni dal 600 A.C. al 549 D.C.

Come molti altri luoghi pubblici dell’antica Roma il Circo Massimo era punto di riferimento per venditori e bottegai di ogni genere, che potevano accamparsi sotto le arcate proprio come nei moderni stadi dotati di bar, ristoranti e negozi di souvenir, e proprio come nei moderni stadi si potevano effettuare scommesse sportive legate ai vari eventi della giornata.

Pochi sanno invece che questi luoghi pubblici e in particolare il Circo Massimo erano anche il posto ideale per socializzare con il gentil sesso; già Ovidio, nella sua Ars Amatoria, consigliava il Circo Massimo come uno dei luoghi migliori per… rimorchiare.

Ovidio entra in dettaglio offrendo una serie di consigli su come “rimorchiare” al Circo Massimo, sfruttando folla e ressa. In primis, non essendoci divisioni tra generi, si cercava di arrivare presto per accaparrarsi i posti migliori, come agli odierni concerti. Si cominciava sedendosi vicino alla donna che si voleva corteggiare, accostandosi il più possibile e approfittando di posti stretti, facilitando così il contatto fisico, che aiuta l’approccio.

A questo punto Ovidio suggeriva di trovare una scusa per attaccare discorso e capire magari per quale cavallo tifa la ragazza, in modo da assecondarla e gioire con lei. Ovidio suggerisce di non mancare di attenzioni e premure, cercando mille scuse per facilitare il contatto fisico come a esempio rimuovere polvere immaginaria alzata dai carri, oppure come alzare il lembo della tunica della ragazza per non farlo sporcare.

Per Ovidio insomma bastano delle piccolezze per avvicinare gli animi leggeri, ma ricorda anche che tutto questo funziona solo se le donne hanno voglia di essere corteggiate, perché l’uomo è solo in apparenza cacciatore ma è in realtà la donna a “farsi catturare” e a “catturare”.

Interessati a scoprire altri aneddoti sui luoghi, i personaggi e le vicende della Città Eterna? Seguitemi nella mia visita guidata alla Roma antica e archeologica, o in un altro dei miei tour guidati a Roma e provincia.

CONDIVIDI E STAMPA

CONDIVIDI E STAMPA