PRENOTAZIONI TOUR (+39) 329 7208181 tour@romaguidetour.it

Storie di Roma

Il blog di Fabio Salemme su RomaGuideTour.it

Il fallimento dello Stadio di Domiziano e la nascita di Piazza Navona

luoghi di roma, personaggi di roma, storia di roma

CONDIVIDI E STAMPA

CONDIVIDI E STAMPA

Poche persone sanno che sotto una delle più conosciute piazze di Roma, la celebre Piazza Navona, si possono trovare i resti di uno stadio destinato ai giochi olimpici dell’antica Grecia, lo Stadio di Domiziano. L’area archeologica, patrimonio dell’UNESCO, si trova a circa 4,50 metri dal piano stradale ed è il primo e unico esempio di stadio in muratura fino ad oggi conosciuto a Roma.

Lo stadio, voluto dall’Imperatore Domiziano, fu fatto costruire tra l’85-86 d.C. ed aveva una capienza di circa 30.000 spettatori. L’opera si inseriva probabilmente in un progetto di risistemazione del nel Campo Marzio, infatti allo Stadio destinato alle competizioni sportive si affiancava anche un Odeon per le competizioni musicali.

Lo scopo principale dello Stadio di Domiziano era quello di offrire al popolo un’ulteriore sede di festa nonché di lode per l’imperatore, e di soddisfare la passione di Domiziano per l’atletica e per gli sport del mondo greco-romano: lotta, corsa, pugilato, salto, lancio del disco e del giavellotto. Passione che purtroppo per lui non fu mai particolarmente ricambiata dai cittadini romani. E’ infatti risaputo che nell’antica Roma i cittadini erano molto più attratti dai combattimenti nelle arene, in primis duelli tra gladiatori (munera) e gare tra carri nel Circo Massimo, qualcosa di molto simile ai nostri giorni dove la maggior parte delle persone è molto più appassionata dal calcio e dalla Formula 1 che dall’atletica leggera.

Lo stadio fu restaurato nel III secolo da Alessandro Severo e restò in uso fino al V secolo; da qui il nome di Circus Alexandrinus, che mantenne per tutto il medioevo, quando sulle strutture del circo crebbero prima costruzioni semplici e successivamente palazzi e chiese che ne utilizzarono i materiali, installandosi lungo tutto il perimetro di fondamenta dello stadio. Lo spazio dell’arena, che si è lentamente interrato a causa di crolli sotterranei ma anche delle alluvioni del Tevere, non fu mai occupato stabilmente, ed è oggi la celebre Piazza Navona.

Interessati a scoprire a fondo i luoghi, i personaggi e le vicende della Città Eterna, con tanti aneddoti a contorno? Scoprite Piazza Navona nella mia visita guidata a Piazze, Palazzi e Fontane di Roma, nel tour di Fontane e Acquedotti di Roma o scoprite gli altri miei tour e visite guidate a Roma e provincia.

[Crediti fotografici per l’immagine della ricostruzione dello Stadio di Domiziano: Altair4]

 

CONDIVIDI E STAMPA

CONDIVIDI E STAMPA